venerdì 30 dicembre 2016

Formaggio homemade allo yogurt

...ovvero il labneh, un formaggio fresco originario del Libano e del Medio Oriente. Ha un sapore piacevolmente acidulo e cremoso che mi ha fatto innamorare all'istante! E sapere che è anche dietetico e digeribilissimo non può che farmelo piacere ancora di più!
La ricetta è nata dalla necessità di consumare un po' di yogurt acquistato per le mie merende ma minacciosamente vicino alla data di scadenza. Ricordavo di aver letto qualcosa su un ricettario di cucina vegetariana che ho in casa ma mai avrei pensato che fosse così semplice autoprodurselo! Provatelo e non lo mollerete più!


Ingredienti x circa 200g di formaggio:

400 g di yogurt bianco magro bio
1 pizzico di sale integrale

Mescolare lo yogurt con il sale e versarlo in un canovaccio di lino pulito (senza odore di detersivo). Chiuderlo con uno spago da cucina e metterlo a colare in uno scolapasta (o ancora meglio sospeso nel lavandino).
Dopo 1 notte avrà perso tutto il siero e si sarà compattato. Prelevarlo delicatamente con una spatola e trasferirlo in un recipiente di vetro o ceramica, premendo bene. Farlo riposare in frigorifero per 4-5 ore.
Servirlo con un filo d'olio e.v.o. e verdure fresche.


Ottimo da utilizzare al posto del classico formaggio spalmabile ma con la consapevolezza di gustare qualcosa di realmente salutare!


Un'idea per un antipasto leggero ed economico!


Io l'ho accompagnato con dei croccantissimi crackers e per la ricetta vi invito a visitate la mia pagina FB!


Come avrete potuto immaginare dalla mia prolungata assenza, sono scappata in lidi più caldi per trascorrere un surreale Natale ai Caraibi, più precisamente a Cayo Largo.


Cuba è nel mio cuore da sempre perchè rappresenta il primo viaggio fatto insieme a mio marito circa 12 anni fa. Da tempo meditavamo un ritorno ma mai avrei immaginato che il nostro sogno potesse realizzarsi nel concreto! E' bastato un last minute alla nostra portata e siamo scappati senza dire nemmeno troppo in giro di questa nostra improvvisata fuga (giusto ai parenti stretti per non darci per dispersi e ai miei genitori che avrebbero dovuto badare alla cucciola in nostra assenza!).


E' stata una vacanza che ci ha fatto rincontrare più affiatati che mai! I miei occhi si sono ingordamente riempiti di immagini da cartolina, luci e colori.  Non credo che ci sia molto da aggiungere dopo aver visto questi scatti e vi assicuro che questi luoghi sono quanto di più vicino a quello che idealizzo come paradiso terrestre!


Con la leggerezza nel cuore e nell'anima saluto il 2016 e auguro a tutti voi un buon inizio anno nuovo! 


...to be continued...

mercoledì 21 dicembre 2016

Tagliatelle fresche al farro con verza stufata, Gran Mugello e noci

Nuovo ed ultimo appuntamento dell'anno anche con la rubrica di Idea Menù che oggi vi propone un menù completo dedicato al Natale.
A me è spettato il primo ed ho deciso di stuzzicarvi con un piatto semplice, di stagione e leggero, forse un po' controcorrente ma che soddisferà il palato anche dei vegetariani. 


Ingredienti:
(dosi da intendersi x1 piatto unico o x2 primi piatti)

70 g di tagliatelle di farro monococco*
1 cuore di verza
4 noci
1 cucchiaino di olio e.v.o.
Pepe verde macinato al momento q.b.

*Le mie composte solo da farina e acqua.
**Potrete sostituire questo formaggio con del Parmigiano o un formaggio a pasta dura stagionato di vostro gradimento.

Grattugiare il formaggio con la grattugia a fori medi. Tagliare a strisce sottili la verza. Ungere una padella antiaderente con l'olio e saltarcela, aggiungendo all'occorrenza acqua di cottura della pasta. Scolare le tagliatelle dopo 4 minuti (o al dente) e unirle alla verza. Far insaporire qualche istante in padella e mantecare con metà del formaggio. Aggiustare di pepe.
Servire fumante con una pioggia di gherigli di noce ed il formaggio rimasto.


Un piatto equilibrato, saporito ma leggero, che ben si inserisce in un menù articolato come quello delle feste.


Non ho aggiunto ulteriore sale in quanto il formaggio regala già la giusta sapidità al piatto. In questo modo il gusto rustico della pasta non viene coperto e si unisce armoniosamente al resto degli ingredienti.


Le noci sono fondamentali per regalare una nota croccante a questi avvolgenti sapori.


Non perdetevi tutte le portate del nostro menù, vi aspettiamo con altre sfiziose proposte a gennaio!

Primo Tagliatelle fresche al farro con verza stufata, Gran Mugello e noci 
Dolce Pandoro con lievito di birra di Linda 

lunedì 19 dicembre 2016

Biscotti speziati di Natale da appendere all'albero

Sabato ho chiuso ufficialmente la stagione 2016 dei corsi di cucina per i più piccoli. E' stata un'esperienza unica ed indimenticabile che mi ha fatto crescere e conoscere aspetti del mio carattere che ignoravo. La mia passione mi sta portando su una strada difficile ma che sto percorrendo con entusiasmo e non ho assolutamente intenzione di tornare indietro, anzi voglio andare avanti con sempre più grinta! Il calendario per i primi mesi del 2017 è già stato stabilito, vedremo se riscuoterà lo stesso successo!
Intanto vi mostro l'ultima ricetta proposta per il laboratorio di Natale dedicato ai biscotti da appendere all'albero. Come sempre la mia intenzione è quella di abituare il palato dei più piccoli a sapori integrali e quanto più naturali possibili, quindi via burro, farine scadenti e zuccheri raffinati, concedendo un piccolo sgarro solo per la decorazione!
I miei zuccherini, tra l'altro, erano proprio bruttini ma quelli che sono stati forniti ai più piccoli gli hanno permesso di realizzare dei piccoli capolari che potrete vedere sul mio profilo FB.
Ma adesso bando alle ciance e dedichiamoci all'ultimo appuntamento con la rubrica Light & Tasty dedicata alle spezie...direi che questi biscottini ci stanno a meraviglia!  


Ingredienti x1 teglia:

200 g di farina  di tipo 1 macinata a pietra
60 g di miele di melata*
1 uovo bio (circa 50g)
30 g di olio di semi leggero (mais, girasole, soia)
1 cucchiaino di spezie in polvere misto (cannella, zenzero, noce moscata, pepe nero, chiodi di garofano)

1 tuorlo d'uovo x spennellare
zuccherini colorati x decorazione

*Sostituibile con acacia (gusto più delicato), millefiori (gusto più deciso), castagna (gusto più aromatico).

Si può effettuare l'impasto in un mixer, in planetaria o a mano come ho fatto io.

Mescolare con una forchetta l'uovo con l'olio e il miele, tenere da parte. In una capiente ciotola miscelare la farina con le spezie. Formare una fontana e versarci il mix di uovo, olio e miele. Impastare fino ad ottenere un consistenza liscia ed omogenea.
Rovesciare sul piano di lavoro leggermente infarinato e stendere con il mattarello in uno spessore di circa 5mm. Ritagliare con gli stampini e formare i biscotti. 
Adagiarli su una teglia rivestita di carta da forno e, con una cannuccia, ricavare un forellino su un'estremità del biscotto. Spennellarli con il tuorlo e decorare a piacere con gli zuccherini colorati.
Cuocere in forno statico a 180°C per 10-15 minuti. Sfornare e far completamente raffreddare su una gratella per dolci. 
Una volta freddi far passare un nastrino nel forellino del biscotto e appenderlo all'albero di Natale!


Se si volessero gustare come normali biscotti, consiglio di aggiungere all'impasto 6g di lievito per dolci e 1 cucchiaino colmo di zucchero di canna per renderli più friabili (o semplicemente seguire questa ricetta). Una volta freddi, si conservano in barattoli ermetici di vetro o latta. Da consumare entro 15 giorni.


Un'idea anche per preparare dei regalini originali e personalizzati!



Non perdetevi le altre proposte delle mie compagne di rubrica che torna a gennaio con nuove e leggerissime ricette! 

venerdì 16 dicembre 2016

Biscotti al burro di datteri solo 3 ingredienti (senza zuccheri aggiunti e senza grassi)

Tutti abbiamo un'amica vegetariana, attenta alla linea e che segue un'alimentazione naturale (...nel caso specifico della mia cerchia di amicizie, sono io questo soggetto particolare!), e che diventa un "problema" invitarla a cena o farle un regalo homemade. Oggi vorrei darvi uno spunto per un dono natalizio che di sicuro la farà felice! 


Con solo 3 ingredienti e senza l'aggiunta di zuccheri o grassi, si otterranno dei biscotti belli e goduriosi che troveranno l'approvazione, non solo dell'amica di cui sopra, ma anche da parte degli insospettabili tradizionalisti!
Sono partita dalla ricetta vista e rivista su blog e social dei "nutellotti" ed ho creato la mia versione salutare e dietetica. 
Oltre ai biscotti diventa un'ottima idea regalo anche il burro di datteri che vi invito a provare anche solo da spalmare sul pane tostato la mattina per colazione...una vera coccola senza sensi di colpa!!! 



Ingredienti x circa 400g:

300 g di datteri denocciolati*
100 g di acqua calda

*Io ho acquistato quelli in ramo e li ho ammollati per 2 ore in acqua fredda. Poi li ho accuratamente denocciolati.

Versare i datteri e l'acqua calda nel mixer. Frullare alla massima velocità fino ad ottenere una crema densa ed omogenea. Trasferirla nei barattoli puliti e conservare in frigorifero.


Ingredienti x20 biscotti:

150 g di farina di tipo 1 bio
180 g di burro di datteri freddo di frigo
1 uovo bio

120 g di burro di datteri x la decorazione  

Ho effettuato l'impasto nel mixer ma si potrà procedere anche impastando con una forchetta in una capiente ciotola.


Versare la farina, il burro e l'uovo nel mixer. Frullare fino ad ottenere un impasto omogeneo e compatto. Bagnarsi le mani con acqua fredda e prelevare poco impasto alla volta formando una pallina grande quanto una noce. Adagiarla sulla teglia rivestita di carta da forno e procedere in questo modo fino a terminare l'impasto.
Con il dito indice praticare una fossetta al centro del biscotto schiacciandolo.
Cuocere in forno statico preriscaldato a 180°C per circa 20 minuti.
Sfornare e far raffreddare. Una volta freddi decorare con il burro di datteri aiutandosi con un sac à poche usa e getta con bocchetta dentellata.


Si conservano in frigorifero fino a 5 giorni.


Ottimi da servire con il the al pomeriggio o per un dolce spezzafame senza troppi sensi di colpa!
Io li ho gustati a colazione con un bel bicchiere caldo di latte d'avena ma a voi trovare il gusto momento della giornata per coccolarsi in loro compagnia!

giovedì 15 dicembre 2016

Segale al curry con verdure e germogli

Nonostante i vari assaggi delle cosine golose che escono dal mio forno (...non posso mica correre il rischio di regalare dolci cattivi!), sto riuscendo a seguire ligia il mio piano alimentare (...ma già so che prossima settimana sarà un'impresa mantenere intatta cotanta buona volontà!). Quindi oggi allieto i vostri palati con un bel primo piatto, ideale per i giorni prefestivi e post-festivi per rimettersi un po' in linea ma niente toglie di servirlo anche sulla tavola natalizia e stupire i propri ospiti con un po' di colore, leggerezza e profumi inebrianti!
Inoltre vorrei parlarvi di questo cereale, new entry della mia cucina, che mi ha conquistata e che vi invito a provare! 


La segale è un cereale coltivato soprattutto in paesi freddi, grazie alla sua facoltà di adattarsi ai terreni più difficili e alle basse temperature. Viene utilizzata soprattutto sotto forma di farina ma non è da sottovalutare anche il consumo in chicchi. Questi ultimi hanno proprietà nutrizionali interessanti che con il processo della macinatura vengono a perdersi. Ha meno proteine rispetto al grano o altri cereali ma apporta una gran quantità di fibre alimentari e minerali (zinco, rame, manganese, fosforo, potassio, ferro, calcio), oltre che vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina E e K. Da non sottovalutare il contenuto di beta-carotene, luteina e zeaxantina che sono composti antiossidanti. E' considerato un eccellente ricostituente, alleato della dieta in quanto regala più di ogni altro cereale un altissimo senso di sazietà ed ha un basso indice glicemico che lo rende idoneo anche all'alimentazione dei diabetici.

Ingredienti x1 piatto unico:

70 g di segale decorticata cotto al dente*
1/2 peperone rosso
5 cm di porro
1 cappella di fungo Portobello
Succo di 1/2 limone
1 cucchiaino di olio e.v.o.
1 cucchiaino raso di curry in polvere
Germogli misti x servire**


*Ammollare la segale in acqua fresca per 12 ore. Sciacquare bene e cuocere con 3 parti d'acqua fresca in pentola a pressione per 30 minuti o in pentola tradizionale per 60 minuti.
Scolare e ricettare.
Io ne cuocio sempre 500g alla volta, poi la porziono in 7 sacchettini da alimenti e li congelo. Ogni sacchettino corrisponde ad una porzione che basterà tuffare in acqua in ebollizione per pochi istanti ed avere pronta all'uso.
**Il mio mix conteneva germogli alfa-alfa, di ravanello rosso e di bietola rossa.

Lavare accuratamente le verdure. Tagliare a rondelle sottili il porro, a dadini il peperone e il fungo. Ungere una padella antiaderente con l'olio aiutandosi con un pennello in silicone e versarci le verdure. Unire il succo di limone e cuocere a fiamma media, unendo un filo d'acqua se necessario. Verso metà cottura spolverare con il curry e mantecare. Aggiungere la segale saltare qualche istante per far insaporire ed impiattare, completando il piatto con un ciuffo di germogli freschi.


Un piatto sano, saziante e colorato, ideale per mantenersi in forma senza rinunciare al gusto!

mercoledì 14 dicembre 2016

Fustine semintegrali senza impasto

..e poi arrivi tu, in un caldo pomeriggio di dicembre, attesa, voluta, coccolata ancor prima di vedere il mondo fuori. La luna ieri sera era più tonda e luminosa che mai per darti il benvenuto e farti capire che non bisogna mai aver paura del buio.
Sappi che la zia già ti ama.
Festeggio l'arrivo di una nuova vita con un pane, sperando che possa essere di buon auspicio.


In questo periodo il mio lievito sta esplodendo, ho "esagerato" con la produzione natalizia (all'elenco si aggiungono anche un panettone gastronomico e 4 buccellati lucchesi) ma di buttare gli esuberi proprio non se ne parla! E' così profumato, vivace e "ubbidiente" che fargli vedere la pattumiera sarebbe un vero sacrilegio! Così incastro gli impegni in giornate che dovrebbero essere di 48h, rubo tempo al mio sonno e impasto! Il profumo del pane appena sfornato ricompensa delle fatiche!


Ingredienti x6 fustine da circa 300g: 

600 gr farina di tipo 1*
300 g di farina integrale con tutto il grano*
750 gr acqua a t.a. 
250 gr lievito madre attivo**
15 gr sale integrale in fiocchi
1 cucchiaino colmo di  malto in polvere

Semola rimacinata di grano duro* per la spianatoia

*Macinata a pietra.
**Rinfrescato e al raddoppio. 

Mettere in una capiente ciotola il lievito e l'acqua, scioglierlo aiutandosi con una forchetta. Aggiungere il malto, la farina e il sale. Mescolare ancora con la forchetta o con un cucchiaio di legno fino a quando la farina si sarà assorbita. Sigillare la ciotola con una pellicola e fare lievitare tutta la notte.Spolverare la spianatoia con abbondante semola e versarci l'impasto. Fare una serie di pieghe a libro e capovolgerlo. Spolverarlo con altra semola e farlo lievitare per due ore coperto con un panno.
Preriscaldare il forno in funzione statica a 250°C in all'interno la pietra refrattaria (per chi non ce l'avessi, lo invito a leggere quest'articolo).
Tagliare delle strisce con un tarocco e metterle sulla teglia precedentemente rivestita con carta da forno.


Far scivolare le fustine sulla pietra refrattaria aiutandosi con la carta da forno. Cuocere per circa 20-25 minuti (sarà necessario fare 2 infornate). 
Sfornare e far raffreddare completamente su una gratella.


Una volte fredde sono pronte per essere degustate. Ottime per preparare dei panini farciti o semplicemente per delle bruschette.


Un pane leggerissimo, friabile fuori e ben alveolato all'interno..io non ho potuto resistere da tagliarne una ancora calda e papparmela a merenda con olio nuovo ed un pizzico di sale integrale, LIBIDINE!
Tagliandolo da caldo la mollica si è un po' rovinata ma il piacere al palato ha ripagato quello della vista!


Si conservano in un sacchetto di carta fino a 5 giorni tenuto lontano da luce ed umidità. In alternativa può essere congelato fino a 3 mesi. 
Riscaldare sempre prima di servire per ottenere nuovamente la sua originale fragranza.


Con questa ricetta partecipo a Panissimo di Dicembre
la raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di Sono io, Sandra, e Barbara, di Bread & Companatico, questo mese ospitata da Cardamomo & co.

martedì 13 dicembre 2016

Gingerbread #2016

Premetto che io quest'anno ho esordito dicendo < niente albero, niente luci, niente cene o pranzi, nessun addobbo, sono fuori fase ed ho bisogno di allontarmi dalle feste e da tutto quello che ci ruota intorno.. >. Poi a metà novembre ero già alla ricerca della ricetta perfetta del panettone, del secondo stampo da pandoro e provavo già gli impasti alle spezie per i biscottini. Quando si dice la coerenza!
Non posso farci niente, se entra in gioco la cucina, non c'è stato d'animo che riesca a farmici star lontana! La verità è che, anche se io ho deciso di festeggiare in modo non convenzionale, non è giusto che chi mi sta intorno debba sorbirsi lo stesso trattamento. Quindi almeno il palato è giusto accontentarlo! Tutto quello sfornato andrà (o è già andato) in dono a chi pazientemente mi sopporta tutto l'anno..spero di essermi ampiamente sdebitata!!!
Oggi vi propondo la versione delight 2016 dei famosi biscotti alle spezie. Non ho usato burro, ridotto al minimo gli zuccheri ma non ho lesinato sulle decorazioni..in fondo è Natale anche per loro!


Ingredienti x1 teglia:

200 g di farina  di tipo 1 macinata a pietra
30 g di miele di melata*
30 g di zucchero di canna integrale
1 uovo bio (circa 50g)
30 g di olio di semi leggero (mais, girasole, soia)
6 g di ammoniaca per dolci
1 cucchiaino di spezie in polvere misto (cannella, zenzero, noce moscata, pepe nero, chiodi di garofano)**

Pasta di zucchero per decorare
Fecola di patate q.b.

*Sostituibile con acacia (gusto più delicato), millefiori (gusto più deciso), castagna (gusto più aromatico).
**Proporzione consigliata: 2 cucchiaini di cannella, 2 cucchiaini di zenzero, 1 cucchiaino di chiodi di garofano, 1/2 cucchiaino di noce moscata, 1/3 di cucchiaino di pepe nero. Mescolare bene e conservare in un barattolino di vetro.

Si può effettuare l'impasto in un mixer, in planetaria o a mano come ho fatto io.

Mescolare con una forchetta l'uovo con l'olio e il miele, tenere da parte. In una capiente ciotola miscelare la farina con le spezie, l'ammoniaca e lo zucchero di canna. Formare una fontana e versarci il mix di uovo, olio e miele. Impastare fino ad ottenere un consistenza liscia ed omogenea.
Rovesciare sul piano di lavoro leggermente infarinato e stendere con il mattarello in uno spessore di circa 5mm. Ritagliare con gli stampini e formare i biscotti. 
Adagiarli su una teglia rivestita di carta da forno e cuocere in forno statico preriscaldato a 180°C per 10-15 minuti. Sfornare e far completamente raffreddare su una gratella per dolci.
Nel frattempo stendere la pasta di zucchero, aiutandosi con un mattarello e un po' di fecola per lo spolvero del piano, in uno strato sottilissimo e ritagliare con gli stessi stampini utilizzati per i biscotti. Aiutarsi con una cannuccia per creare dei piccoli forellini decorativi, tenere da parte anche gli scarti.
Una volta che i biscotti si saranno raffreddati spennellare con acqua e "incollare" la pasta di zucchero sopra. A lavoro completato lasciar asciugare su una gratella per qualche ora.
Si conservano in barattoli ermetici di vetro o latta. Da consumare entro 15 giorni. 



Ottimi da regalare a parenti ed amici. Deliziosi anche come segnaposto.



Con questa ricetta partecipo al contest:
NATALizia: Il menù delle feste con Mielizia del blog Dolcemente Inventando

lunedì 12 dicembre 2016

Insalata di caco mela e mazzancolle

Ogni lunedì fino a Natale, la rubrica Light & Tasty vi accompagnerà con proposte dedicate alla tavola delle feste, dimostrando come si possa soddisfare il palato senza eccedere nelle calorie.
Avete tutti in mente le tavole imbandite che dal 24 dicembre fino a Capodanno ci regaleranno piaceri per la vista ed il palato ma causeranno inevitabilmente un'impennata dell'ago della bilancia??!! Allora proviamo a concentrarci sulla bellezza del piatto, prediligendo verdure di stagione e tanto colore! Vedrete che non dovrete terminare il pasto con un digestivo al finocchio! 
Oggi ci dedichiamo a ricettare il pesce, un ingrediente immancabile in questo periodo e che è buona abitudine inserirlo regolarmente nella routine alimentare. Io vi faccio gustare una sfiziosa insalata, leggerissima, ricca di sapore e che lascerà i vostri ospiti a bocca aperta (...e senza "mattoni" sullo stomaco!!!).


Ingredienti:
(dosi da intendersi x4 antipasti o x2 secondi o x1 piatto unico)

200 g di mazzancolle fresche intere
1 caco mela
Misticanza q.b.
Fiori eduli q.b.
Glassa di aceto balsamico q.b.

Bollire le mazzancolle per 6-7 minuti. Scolarle e farle raffreddare, quindi privarle del carapace e della testa, lasciare solo la codina che funge da decorazione.
Lavare il caco e tagliarlo a fette sottili.
Adagiare la misticanza sul piatto di portata, aggiungere il carpaccio di caco mela e completare con le mazzancolle.
Decorare il piatto con i fiori e un filo di glassa di aceto balsamico.


Un piatto molto scenografico, ideale per la tavola della vigilia o dell'ultimo dell'anno.


Il suo gusto bilanciato, leggero e fresco, lo rende adatto ad essere inserito anche in un menù più impegnativo o semplicemente gustato tra una festa e l'altra come pasto detox!


Non perdetevi tutte le nostre proposte della settimana: