venerdì 30 giugno 2017

Panbauletto multicereali allo yogurt

Molti non capiranno l'esigenza irrefrenabile di accendere il forno con queste temperature tropicali proibitive ma, se come me siete "impastatori seriali", vi metterete dalla mia parte e sosterrete la "mia causa"!
Ammetto di aver avuto la malsana idea di mettermi ad impastare anche un panettone o un pandoro o una colomba, chesso' roba del genere, visto che con questo caldo in un paio d'ore è già tutto pronto per la cottura mentre in inverno c'è da inventarsi delle fantasiose celle di lievitazione...ma ho avuto pietà di me stessa e della mia famiglia e mi sono limitata allo stretto necessario!
La pizza del sabato sera è irrinunciabile, stesso discorso per il pane integrale per accompagnare le mie insalate serali, poi ci sono le focaccine da farcire per il mare e, a tutto questo, non ci vuoi aggiungere anche un bel panbauletto per la colazione?! La confettura di albicocche necessitava di una buona base per l'assaggio, giusto?!


Mi sono risparmiata la biscottatura delle fette, per amor proprio e della mia pressione sanguigna, ma appena torna un po' di fresco provvederò a replicare con questa variante! Per il momento mi limito a tostarne un paio ogni mattina mentre sale il caffè nella moka,  poi porto tutto in terrazza insieme al vasetto di confettura color del sole e mi regalo la prima coccola della giornata!


Ingredienti x1 stampo da plumcake 11x27cm:

300 g di farina integrale*
150 g di semola integrale Senatore Cappelli*
100 g di lievito madre attivo**
200 g di latte di riso bio
100 g di yogurt bianco magro
45 g di olio di riso bio
15 g di germe di grano
15 g di zucchero integrale
1 cucchiaino di sale integrale

*Macinata a pietra.
**Rinfrescato e al raddoppio.

Ho effettuato l'impasto nella planetaria ma si otterranno ottimi risultati anche impastando a mano o in un capiente mixer.

Versare nella planetaria le farine, le germe di grano, lo zucchero e il lievito. A parte sbattere lo yogurt nel latte. Versarlo quindi a filo lavorando a bassa velocità con il gancio ad uncino. Appena inizia ad incordare, aggiungere a filo l'olio e farlo incorporare. Portare nuovamente ad incordatura. Aggiungere infine il sale e lavorare ancora quel tanto che basta per farlo assorbire dall'impasto.
Fermare la macchina e rovesciare l'impasto sul piano di lavoro leggermente unto d'olio. Fare una serie di pieghe a libro e formare una palla. Coprirla a campana e farla riposare per 30-40 minuti. Riprendere l'impasto e dividerlo in 4 pezzature uguali (circa 230-235g cadauna). Pirlare in palline e adagiare nello stampo, precedentemente rivestito di carta da forno, una accanto all'altra. Spennellare la superficie con un po' di latte di riso e sigillare con pellicola.


Far lievitare in un luogo caldo fino al raddoppio, circa 3 ore (in estate sotto il sole, in inverno nel forno spento con la lucina accesa).
Spennellare nuovamente la superficie con il latte di riso e adagiare lo stampo in una teglia. Posizionarla nell'ultimo ripiano in fondo al forno e accendere a 250°C in funzione statica. 
Dopo 30 minuti, abbassare la temperatura a 200°C e proseguire per altri 20 minuti.
Valutare sempre tempi e temperature in base al proprio forno.
Togliere dallo stampo e adagiare il pane sulla gratella nel forno spento con lo sportello a spiffero. Far completamente raffreddare.


Una volta freddo, tagliare a fette spesse 8mm/1cm e a piacere biscottare in forno ventilato.


Le fette si conservano in sacchetti da freezer ben chiusi per 10 giorni in frigorifero e fino a 3 mesi nel congelatore.
Tostare sempre prima di servire.


La mollica è molto morbida e fitta, ottima per accogliere un generoso strato di confettura!


Il suo gusto poco dolce, ben si abbina anche a sapori salati...provate ad utilizzare qualche fetta per sfiziosi crostini da aperitivo o come base per dei sandwich sani e leggeri, non ve ne pentirete!


Dono questa ricetta alla raccolta:

mercoledì 28 giugno 2017

Confettura di albicocche e menta con miele d'acacia

Come ho già detto in passato, sto cercando di eliminare i prodotti raffinati dalla mia alimentazione e tra questi c'è anche (e soprattutto) lo zucchero. Spesso nelle mie ricette utilizzo quello di cocco o quello integrale o il fruttosio ma la scelta migliore, dal mio punto di vista, resta quella di dolcificare con il miele.
Il miele è, infatti, uno dei prodotti più sani e genuini che esistano in natura. Basti pensare che le api sono insetti particolarmente sensibili all’inquinamento, tanto che non si sentirà mai parlare di "miele inquinato" in quanto esse morirebbero prima di riuscire a produrlo. 
Questa preziosa sostanza è composta principalmente da acqua, zuccheri semplici (come fruttosio, glucosio, maltosio e saccarosio), acidi organici, proteine, sali minerali (in prevalenza ferro, calcio e fosforo), vitamine, enzimi, fitostimoline ormonali, sostanze antibiotico-simili e aromi dei fiori. Non è ipocalorico (100g apportano circa 300Kcal), ma ne bastano pochi cucchiaini al giorno per beneficiare delle sue innumerevoli proprietà. E' facilmente digeribile e assimilabile dall'organismo tanto da essere tollerato anche dai diabetici.
Purtroppo è molto diffusa la sua pastorizzazione per renderlo perfettamente liquido ma, questo processo ad alte temperature, ne danneggia le proprietà organolettiche. Fortunatamente esistono dei mieli che non cristallizzano e non hanno bisogno di questo processo. Uno di questi è proprio quello di acacia, ovvero il mio preferito che con il suo sapore delicato e neutro si abbina benissimo ad ogni ricetta!



Già in passato lo avevo utilizzato al posto del classico zucchero per preparare le confetture ed oggi ve lo ripropongo con il frutto estivo per eccellenza, l'albicocca.
Quest'anno l'albero dei suoceri di mio fratello ne ha avuto una produzione esagerata, tanto da costringerli a distribuirne ingenti quantità a parenti ed amici, fino ad arrivare a me!
Appena ho visto quella cassetta così stracolma di frutti color del sole, non ho resistito a strafogarmene con conseguenti coliche che mi guardo bene dal descrivervi! Ho optato, quindi, per far finire tutto quel ben-di-Dio in dei vasetti profumati, pronti per arricchire le mie scorte invernali..sperando che ci arrivino!!!
Ho reso tutto più sfizioso e fresco con qualche fogliolina di menta fresca della mia rigogliosa pianticella ed ho fatto l'assaggio su una bella fetta tostata di panbauletto di cui vi parlerò prestissimo...stay tuned!


Ingredienti x4 vasetti da 300ml:

1400 g di albicocche (peso al netto degli scarti)
150 g di miele d'acacia bio
100 g di acqua 
15/20 foglie di menta fresca



Lavare accuratamente la frutta. Eliminare il nocciolo interno e ridurre la polpa in spicchi., quindi raccoglierla in una capiente pentola dal fondo spesso. Unire il miele e l'acqua, mescolare e mettere sul fuoco a fiamma dolce. Cuocere per 20 minuti, mescolando spesso. Aggiungere le foglie di menta e frullare a crema* con il frullatore ad immersione.
Versare nei vasetti puliti e chiudere con le capsule nuove. Far raffreddare capovolte.



Una volta che i vasetti sono freddi, metterli in una pentola dai bordi alti avvolti in un canovaccio. Versare acqua fredda fino a sommergere le capsule. Portare a bollore e far bollire per 30 minuti facendo attenzione che i barattoli siano sempre coperti d'acqua e nel caso aggiungerla.
Spegnere il fuoco e coprire la pentola con il coperchio. Far completamente raffreddare.


Prelevare i vasetti, asciugarli e a piacere confezionarli. Scrivere sempre la data di preparazione e conservare in luogo fresco e asciutto per un massimo di 12 mesi.
La degustazione ottimale sarebbe da effettuare dopo 1 mese in modo che tutti i sapori si stabilizzino, ma sfido chiunque a resistere alla tentazione!



*Se si desidera una confettura a pezzettoni, evitare di frullare ed inserire la menta sminuzzata prima di invasettare. Io la preferisco di una consistenza vellutata soprattutto in previsione di utilizzarla per delle golose crostate nel periodo invernale!



Con questa ricetta partecipo a SUMMER  MIELIZIA: il menù dell'estate con Mielizia

lunedì 26 giugno 2017

NanaCarruba ice cream con miele di timo

Quest'anno andare al mare nel weekend sta diventando un'impresa! Il marito (...che secondo me si sente in colpa per le "assenze-causa-lavoro" infrasettimanali...) non si muove senza Amelia e lei in spiaggia è un diavolo della Tanzania! Appena avvista un bimbo, anche a km di distanza, prende la rincorsa e gli si butta incontro spaventandolo rovinosamente, stessa scena se vede qualcuno che attinge dalla borsa frigo! Torniamo a casa con la sabbia anche dentro le orecchie ed è praticamente impossibile schiacciare un pisolino o leggere un buon libro. In più mi rendo conto di quante persone non li tollerino o ne siano letteralmente impauriti (...e ci tengo a sottolineare che noi andiamo in una spiaggia libera, dove gli animali sono ammessi!)...e spesso siamo costretti a tenerla legata all'ombrellone. 
Nonostante tutto, vederla felice a scavare buche come una talpa, con il musino pieno di sabbia e sorridente nel cestino della bicicletta quando capisce che trascorrerà una giornata intera insieme a noi, mi ripaga della fatica...e poi quando si torna a casa c'è sempre una golosa merenda ad attenderci!
Come vi avevo già detto in questo post, le banane nel mio congelatore non mancano mai e i nana ice cream sono diventati parte integrate delle mie pause pomeridiane! Basta aggiungere un elemento diverso, per ottenere dei gelati sempre più golosi!
In occasione dell'ultimo appuntamento, prima della pausa estiva, della rubrica di Light & Tasty dedicata ai gelati, ne ho preparato uno che farà impazzire le vostre papille gustative! 




Ingredienti x1 porzione:


1 banana matura
1 cucchiaio colmo di yogurt bianco magro
1 cucchiaino di carruba in polvere
1 cucchiaino di miele di timo*

*O altro miele a piacere. Di questo ve ne parlerò molto presto...è uno dei miei souvenir golosi di Creta!

Sbucciare la banana e ridurla a rondelle. Chiudere in un sacchetto e trasferire in freezer per almeno 5 ore (meglio tutta la notte).
Versare la frutta gelata in un mixer. Frullare ad impulsi fino ad ottenere un trito omogeneo. Aggiungere gli altri ingredienti e frullare ancora fino ad ottenere la consistenza di un gelato.
Servire subito.



Un modo sano e leggero di non privarsi del gelato anche se si segue un regime alimentare ipocalorico!


Ecco tutte le altre proposte:



...ci rivediamo a settembre!

venerdì 23 giugno 2017

Plumcake leggerissimi allo yogurt e gocce di cioccolato

Non vi ho mai nascosto l'importanza che ha nella mia routine alimentare la colazione. Non riesco davvero a rinunciarci nemmeno in estate ed ho scoperto essere un'abitudine sana che aiuta a mantenere il peso forma e regolare la fame nervosa. Cerco sempre di trasmettere questa buona regola anche ai bambini con i quali faccio i corsi di cucina, perchè se si impara fin da piccoli a ritagliarsi il giusto tempo per sedersi a tavola e gustarsi il primo pasto della giornata, ci saranno buone probabilità che diventi anche per loro una cosa naturale a prevenzione di disturbi gravi quali l'obesità.
Il modo migliore per indirizzarli sulla giusta strada è quella di insegnargli a prepararsela da soli, così da farlo diventare un momento divertente da condividere con tutta la famiglia.
La prima data dei miei corsi estivi (svoltasi ieri pomeriggio) aveva proprio come tema la prima colazione e nello specifico i plumcake.
Ve li ripropongo in occasione dell'appuntamento con la rubrica al km 0 naturalmente in versione delight senza grassi aggiunti e con farine grezze e bio. Per questi piccoli scrigni di morbidezza, vale davvero la pena accendere il forno...


Ingredienti x circa 8-9 pezzi:

90 g di semola integrale Senatore Cappelli
15 g di maizena (amido di mais)
105 g di uova*
105 g di yogurt bianco magro
105 g di zucchero semolato
65 g di gocce di cioccolato fondente**
8 g di lievito istantaneo per dolci

*Peso al netto degli scarti, indicativamente 2 uova bio.
**Fredde di freezer.

Sbattere le uova con lo yogurt. Unire lo zucchero, la farina e la maizena. Mescolare energicamente con una frusta fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Aggiungere il lievito setacciato e le gocce di cioccolato. Incorporare con una spatola. Versare 2 cucchiai di impasto in ogni pirottino.
Sistemare i pirottini in una teglia.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C in funzione statica per circa 15 minuti, fare la prova stecchino per verificare l'effettiva cottura.
Sfornare e far completamente raffreddare su una gratella.


Una volta freddi si conservano in un barattolo a chiusura ermetica per 5-6 giorni. Per prolungarne la durata è possibile congelarli.


Un gusto leggerissimo, morbidissimo e buonissimo per iniziare la giornata con la giusta energia!


A piacere potete sostituire le gocce di cioccolato con mirtilli o piccoli frutti freschi e usare uno yogurt magro allo stesso gusto di frutta...la colazione diventerà un momento di piacere sempre nuovo ed emozionante!


Noi abbiamo deciso di dare il benvenuto all'estate con queste ricette...
colazione Plumcake leggerissimi allo yogurt e gocce di cioccolato
merenda Smoothie di lamponi bio di Manuela

mercoledì 21 giugno 2017

Dip di barbabietole rosse e menta

Primo giorno d'estate eppure a me sembra iniziata già da un po'! Ho già fatto tante scorrazzate in bicicletta, sono stata al mare diverse volte e sono riuscita anche a bruciarmi la pancia nonostante la protezione solare! Mi sono rilassata in vacanza con mio marito nella splendida isola di Creta per una settimana, ho mangiato gelato a merenda e cocomero dopo cena. Ho rinnovato il tavolo della terrazza con grigliate con amici e parenti...insomma non so davvero cos'altro aspettarmi da questa calda estate!
L'unica cosa che in questi ultimi 15 giorni non ho ancora fatto, è accendere il forno per sfornare un fragrante pane magari proprio per spalmarci una fresca e colorata crema di verdure come quella che vi propongo oggi!
Per il nuovo appuntamento con la rubrica di idea menù i nostri piatti si tingono di rosso. Io vi offro un aromatico e vellutato dip da servire con verdure croccanti di stagione per un antipasto leggero e divertente! 


Ingredienti:

250 g di barbabietole rosse precotte
4 foglie di menta fresca
2 cucchiai di yogurt bianco magro
1 cucchiaio di aceto di mele bio
1 pizzico di sale integrale
Verdure crude di stagione per servire

Frullare tutti gli ingredienti in un capiente mixer. Trasferire in un vasetto di vetro e far riposare in frigo per 30 minuti. Si conserva in frigorifero fino a 3 giorni.
Servire il dip fresco con cruditè di verdure di stagione.


Un'idea per un antipasto salutare, in tal caso consiglio di versare il dip in vasetti monoporzione.


Un gusto fresco, corposo e piacevole al palato, ottimo anche da utilizzare come farcia per dei panini o confezionare dei sanissimi crostini.


Non perdetevi tutte le nostre ricette "in rosso"... 


Antipasto Dip di barbabietole rosse e menta
Contorno Pomodori gratinati al forno di Carla

lunedì 19 giugno 2017

Smoothie bowl al melone bianco e menta

Non è semplice tornare a scrivere in queste pagine dopo tanti giorni di assenza. Ho troppe cose da raccontare e i pensieri non riescono ad incanalarsi in un discorso logico ed armonico. Spero presto di riuscire a parlarvi della mia bellissima esperienza greca ma per il momento dovrete avere pazienza...cercherò di farmi perdonare con qualche gustoso piatto adatto alla calure di questi giorni! 
...e oggi la rubrica di Light & Tasty ha scelto proprio l'argomento giusto: frullati e smoothie!


Io ho optato per un leggerissimo smoothie senza zucchero aggiunto, sfruttando al massimo il dolce della frutta di stagione, un bel melone bianco maturo in questo caso che giaceva in frigo da qualche giorno. Ho approfittato della smisurata produzione di menta (...ancora non ci credo che quella piccola piantina sia così rigogliosa!!!) per regalare un tocco di freschezza in più e qualche altra piccola aggiunta per rendere questa bowl* qualcosa di davvero salutare e rigenerante!
*Potete servirlo anche in un semplice bicchiere ma io ho ceduto alla moda del momento! 


Ingredienti:


4 fette di melone bianco maturo
4 foglie di menta fresca
Acqua fredda di frigo q.b.
Banane essiccate q.b.
Semi di lino q.b.

Eliminare la buccia del melone e ridurre la polpa in pezzi. Trasferirli nel bicchiere del frullatore e aggiungere le foglie di menta. Frullare alla massima potenza aggiungendo acqua quanto basta a raggiungere la consistenza desiderata.
Versare in una ciotola e servire subito decorando con i semi di lino e le rondelle di banana essiccata.



Un mix di sapori davvero fresco e rigenerante ideale per una merenda sana ed equilibrata o per iniziare la giornata con la giusta energia senza appesantirsi!


Non perdetevi tutte le altre fresche proposte della settimana:


venerdì 16 giugno 2017

Cuor di pane integrale

...non sono ancora tornata a casa ma voglio mostrarvi cosa è uscito dal mio forno prima della partenza...giusto per far tornare un po' di profumo di pane nella mia cucina virtuale!


Appena ho finito di fare le valigie (...quindi giusto qualche ora prima della partenza!) mi sono un po' coccolata Amelia e il mio lievito madre (...non necessariamente in questo ordine!).
Ho dato tanti baci alla pelosetta (...preparandola alla trasferta dai "nonni"...) ed ho rinfrescato con gesti amorevoli la mia preziosa creatura, promettendole che sarei tornata presto e di non avere pensieri suicidi in mia assenza...spero che queste piccole attenzioni siano servite!
Intanto mi rivedo volentieri quest'ultima collaborazione che abbiamo avuto e che è felicemente andata a buon fine...nelle fauci della famiglia!


Ingredienti:

300 g di farina integrale con tutto il grano*
300 g di Verna integrale*
400 g di acqua naturale a t.a.
150 g di lievito madre attivo**
1 cucchiaino di malto d'orzo in polvere
1 cucchiaino di sale integrale

Semola rimacinata di grano duro q.b.

*Macinata a pietra in purezza.

**Rinfrescato e al raddoppio.

Ho effettuato l'impasto nella planetaria con il gancio ad uncino, si otterranno ottimi risultati anche lavorando a mano.

Sciogliere il lievito con l'acqua ed il malto. Unire le farine e portare ad incordatura, incorporare infine il sale.
Spolverare il piano di lavoro con della semola e rovesciarci l'impasto. Praticare una serie di pieghe e coprire a campana con una grande ciotola. Far riposare per 1 ora. Ripetere le pieghe e far nuovamente riposare sotto la ciotola per 1 ora.
Ripetere le pieghe, dare la forma al pane e adagiarlo in un cestino da lievitazione generosamente infarinato (io ho usato un grande scolapasta con all'interno un canovaccio di lino). Sigillare con pellicola e trasferire in frigorifero per 18-20 ore.
Preriscaldare il forno con la pietra refrattaria posizionata sulla griglia nel ripiano più in basso a 250°C per 30 minuti.***
Togliere il pane dal frigo, rovesciarlo su una teglia rivestita di carta da forno e spolverare la superficie con della semola. Disegnare un cuore con la punta di un coltello e incidere i fianchi del pane con 3-4 profondi tagli.


Infornare subito il pane facendolo scivolare sulla pietra aiutandosi con la carta sottostante. Cuocere per 15 minuti. Poi abbassare la temperatura a 200°C e proseguire per altri 20 minuti. Completare a 180°C per altri 10-15 minuti.
Valutare sempre i tempi e le temperature in base al proprio forno.
Sfornare e far completamente raffreddare su una gratella.


Una volta freddo, tagliare a fette e gustare.


Per conservarlo più a lungo, può essere congelato per poi tostarlo al momento del bisogno.


***Per chi non possiede la pietra refrattaria, utilizzare una teglia capovolta. Scaldarla bene e cuocerci direttamente il pane sopra.


Ottimo da gustare sia a colazione con una buona confettura fatta in casa, che come base per golose bruschette.

Con questa ricetta partecipo al contest 
"the mystery basket" di La mia famiglia ai fornelli, ospitato questo mese dal blog Un'arbanella di basilico

lunedì 12 giugno 2017

Zucchini pizza low carb

Vi informo che questo post è programmato, risponderò ai vostri messaggi al mio rientro.

Mentre scrivo questo post, sto preparando le valigie. Dovete sapere che nonostante io sia sempre super organizzata e ami "giocare d'anticipo", per preparare i bagagli mi riduco sempre a pochi istanti prima della partenza! Con gli anni ho imparato che a farli troppo in anticipo si combinano solo guai! Ogni giorno tolgo e metto qualcosa di diverso per ritrovarmi in vacanza con cose inutili o abbinamenti un po' azzardati...e magari in mancanza di qualcosa di realmente indispensabile! Quindi, l'esperienza mi insegna che "buttare" in valigia quello che mi ispira poche ore prima di raggiungere la meta dove trascorrere le ferie, è la carta vincente! 
Una cosa a cui ho prestato, invece, particolare attenzione prima della partenza, è stato rispettare l'uscita con la rubrica di Light & Tasty per non lasciarvi senza la mia ricetta del lunedì che so in molti aspettate!
Questa settimana si parla di zucchine un ortaggio estivo a cui non rinunciare in questo periodo grazie al suo ricchissimo contenuto di acqua, sali minerali e Omega3.


Io ve le propongo in un modo davvero originale, ovvero come base di una "pizza"! Appena ho visto la ricetta da Mimma e Marta me ne sono innamorata e non ho potuto resistere alla tentazione di provare!
Avevo giusto delle zucchine freschissime appena raccolte ancora calde dai raggi del sole e mi è sembrato un segnale che il momento fosse proprio quello più opportuno! Ho apportato solo qualche modifica dalla ricetta originale e prevedo moltissimi altri esperimenti in merito...sarà un'estate all'insegna delle "pizze low carb"! 


Ingredienti xi piatto unico:

350 g di zucchine fresche
15 g di semi di chia
50 g di acqua
75 g di farina di segale integrale macinata a pietra
1 pizzico di sale integrale

2-3 cucchiai di passata di pomodoro
2 cucchiaini di olive taggiasche denocciolate
7-8 ravanelli
Basilico fresco


Lavare le zucchine e spuntarle, quindi asciugarle e grattugiarle con la grattugia a fori larghi . Salare, mescolare e far riposare per 30 minuti. Pestare i semi di chia in un mortaio e raccogliere in una ciotolina insieme ai 50g di acqua.
Versare le zucchine in un canovaccio pulito e strizzare bene per eliminare l'acqua di vegetazione. Trasferire in una capiente ciotola insieme ai semi di chia che nel frattempo si saranno diventati una sorta di gel e la farina. Impastare con una spatola e stendere in uno spessore sottile tra due fogli di carta da forno.
Eliminare quello sopra e cuocere per 15 minuti sulla pietra refrattaria preriscaldata a 250°C. Poi sfornare, capovolgere su un foglio di carta da forno ed eliminare quella sopra. Infornare nuovamente per altri 10 minuti.
Condire con la passata di pomodoro e metà dei ravanelli ridotti a rondelle sottili. Passare qualche istante sotto il grill caldo del forno.
Sfornare e completare con i ravanelli avanzati, le olive e le foglie fresche di basilico.
Attendere 5 minuti, poi tagliare a fette e servire.


Un'alternativa alla pizza davvero golosissima che vi permetterà di concedervi uno sfizio senza incidere sulle calorie!


Variare le farce in base al proprio gusto ed utilizzare sempre zucchine fresche, piccole e bio, il loro sapore sarà migliore ed il risultato finale sarà ottimo!


Ecco tutte le proposte della settimana