mercoledì 8 novembre 2017

Pagnotta integrale con prefermento (lievitazione in cestino)

Mio marito ha la memoria di un pesce rosso ma tendenzialmente il problema è che non ascolta. Ogni volta che gli parlo ho l'impressione che la sua mente stia giocando a ping pong con un amico immaginario o che si trovi in un altro sistema solare. Spesso quello che dico come entra in un orecchio, dall'altro esce senza lasciare traccia; altre volte mi stupisce come non mai e mi fa ricredere di essere troppo severa nel giudicarlo.
Chissà quante volte gli ho raccontato di impasti, farine, lievitazioni, prefermenti, rinfreschi senza nemmeno preoccuparmi se la cosa potesse essere di suo interesse. La soddisfazione lui me la da al momento dell'assaggio. Lo capisco subito da come mastica se una cosa gli piace o meno e spesso mi riempie di complimenti.
Questa premessa per spiegarvi il mio stupore quando mi sono vista recapitare a casa un paio di cestini da lievitazione, uno rotondo grande e uno più piccolo ovale. Ero talmente su di giri che non ho potuto aspettare dal metterli alla prova, era una vita che li desideravo!
Non vi sto a spiegare le coccole che si è beccato il maritino al rientro dal lavoro, tanto da generare invidia anche nei confronti della piccola Amelia!


Ingredienti:

prefermento
120 g di farina di tipo 1 macinata a pietra
120 g di acqua naturale a t.a.
80 g di lievito madre attivo*

impasto
200 g di farina integrale Verna macinata a pietra
100 g di acqua naturale a t.a.
1 cucchiaino di malto d'orzo bio
1 cucchiaino di sale fino marino

Semi misti per la decorazione (lino, sesamo, girasole)

*Rinfrescato e al raddoppio.

Sciogliere il lievito madre con l'acqua in una capiente ciotola. Unire la farine e impastare energicamente con una forchetta fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
Coprire con pellicola e trasferire in frigorifero per 24 ore.
Versare il prefermento nella planetaria e unire il resto degli ingredienti tranne il sale. Lavorare con il gancio ad uncino fino ad incordatura, quindi incorporare il sale.
Far riposare per 15 minuti. Poi rovesciare sul piano di lavoro e praticare una serie di pieghe a libro. Spolverare il piano di lavoro di semi e rotolarci l'impasto dando una forma ovalizzante.
Spolverare abbondantemente il cestino da lievitazione con farina integrale e adagiarci l'impasto. Sigillare con pellicola trasparente e trasferire in un luogo caldo lontano da spifferi.
Far raddoppiare di volume (io ho impiegato circa 5 ore).
Preriscaldare la pietra refrattaria a 250°C per 30 minuti. Rovesciare il pane sulla pala o una teglia rivestita di carta da forno e incidere la superficie. Far scivolare sulla pietra e cuocere per 20 minuti. Poi abbassare la temperatura a 220°C e proseguire per altri 15 minuti. Battere il pane sul fondo e se suona a vuoto, sfornare. In caso contrario proseguire per altri 10-15 minuti a 180°C.
Valutare sempre le temperature e i tempi di cottura in base al proprio forno.
Far completamente raffreddare su una gratella.


Una volta freddo tagliare a fette.


Si conserva intero in un sacchetto di carta lontano da fonti di umidità, oppure le fette possono essere congelate e scaldate al momento del bisogno.


Un pane piacevolmente aromatico, pieno e leggero che vi accompagnerà dalla colazione alla cena. 


Dono questa ricetta alla raccolta:

32 commenti:

  1. A volte diamo per scontato che i nostri mariti abbiano le stesse nostre passioni o che per lo meno le condividano, e restiamo sopraffatte quando, come te, noi parliamo per ore e loro annuiscono, senza sapere se realmente ci ascoltino o meno, ma quando poi ti vedi recapitare questi regali, beh...credo che le coccole siano un toccasana come ringraziamento ^_^ e poi i risultati si vedono, non solo quando mastica consapevolmente ma anche quando ti vede felice per averti donato qualcosa a cui agognavi da tempo. W i mariti e w il tuo pane, sempre più brava Consu.
    Buona giornata cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale :-) ammetto che stavolta mi ha davvero stupita ^_^

      Elimina
  2. scusi Consuelo ma che ha frequentato lo stesso corso di moglie della Bee?? ;O)))(la mia di moglie)stesse parole! Noi mariti ascoltiamo, a volte capiamo, a volte rimane un eco cestini, estini, stini, ini...e a quello ci aggrappiamo sapendo di farvi felici.
    Bella pagnotta e interessanti i cestini ma un dubbio mi assale: come si puliscono dalla crosticina del pane lievitato? saluti golosi, il cat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah!!! Cat sei troppo simpatico :-P
      I miei cestini hanno un piccolo telo di lino che si può togliere e lavare :-) In alternativa va fatto asciugare bene nel forno spento dopo l'uso e spazzolato con un pennello per eliminare eventuali residui di farina :-)

      Elimina
  3. Ma che tesoro di marito.....e tu hai saputo realizzare al meglio il regalo ricevuto, come vorrei assaggiare questo meraviglioso pane, bravissima Consu!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lauretta..vorrei davvero poterti accontentare..

      Elimina
  4. Quanto è buono il pane con i semi! Il tuo è pure bellissimo :) I cestini per il momento mi mancano, quasi quasi scrivo la letterina a Babbo Natale :D Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..dai, dai, dai! Vedrai che sarai accontentata ^_^ a me stanno galvanizzando da matti ^_^

      Elimina
  5. Ma bravo tuo maritino, infatti loro non possono avere le stesse passioni, ma almeno ci da la soddisfazione nel mangiare quello che prepariamo, e sanno apprezzare. Bello e buono il tuo pane !

    RispondiElimina
  6. Strepitosa!!!!! Da rifare, grazie cara Consu!!!

    RispondiElimina
  7. Che bello il tuo pane, è veramente invitante! Se ne intuisce la fragranza già dalle foto. Anche io ho spesso l'impressione di parlare al vento, chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hihihi...vedrai che qualche parola arriverà a destinazioni e te ne accorgerai nel momento che meno ti aspetti ^_*

      Elimina
  8. ahahahah un difetto dei mariti:danno l'impressione di non ascoltare, ma poi ti sorprendono :)
    Che pane......stupendo!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani, vedo con piacere di non essere l'unica ^_*

      Elimina
  9. Il tuo pane dev'essere ottimo!
    Sembra che i mariti non ascoltino... e a volte ti sorprendono! 😘

    Nuovo post sul mio blog!
    Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Niente da fare....i tuoi pani sono tutti uno più bello dell'altro...brava, brava, brava!!!! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Anche il mio è così, ma secondo me non mi ascolta davvero perché un pensiero così carino non l'ha mai sfiorato. Pane super Consu cara, come sempre. un abbtaccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..chissà che prima o poi non ti stupisca ^_*
      Grazie Lisa <3

      Elimina
  12. Vorrei provare anche io a fare la tua ricetta del pane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, allora subito mani in pasta ^_* x ogni dubbio sono qui ^_*

      Elimina
  13. Che bello quando i mariti sono così amorevoli ♥ ti ha fatto fare un capolavoro, bravissima tesoro è un pane meraviglioso!

    RispondiElimina
  14. Adoro questo genere di pani.. T'è venuto proprio bene smackkk

    RispondiElimina
  15. Ciao cara Consuelo e che bravo il maritino...e che loro ascoltano ma poi fanno finta di niente e arrivano con le sorprese quando non ci pensiamo :). Stupendi i cestini li voglio anch’io per realizzare questi tuoi pani sempre stupendi ;). Buon weekend baci Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luisa..mettili nella lista dei desideri..sono fantasticiiiiii

      Elimina
  16. ora me li compro anche io se il risultato è questo! io di solito uso cestini e forme varie prese in prestito dalla cucina....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..anch'io ho sempre fatto così :-) ma ammetto che il risultato con questi professionali è decisamente più soddisfacente ^_^

      Elimina